Pesaro: uccide rivale in amore

di isayblog4 Commenta

Ha citofonato a casa della ex e ha poi aspettato che Guido Volterri, un agente di commercio di 44 anni, scendesse per prendere l’auto e tornare nella propria abitazione per colpirlo alle spalle (20 coltellate) con un grosso coltello..

E’ stato un attacco violento di gelosia ad accecare Guido Broccolo, un operaio di Pesaro di 30 anni, che ha aggredito a morte il rivale in amore.

La fidanzata lo aveva lasciato per un altro ma lui non riusciva a darsi pace. Così ieri sera, sapendo che i due si trovavano insieme, ha citofonato a casa della ex, senza ottenere però risposta, e ha poi aspettato che il nuovo compagno della donna, Guido Volterri, un agente di commercio di 44 anni, scendesse per prendere l’auto e tornare nella propria abitazione, a Marotta, per colpirlo alle spalle (20 coltellate) con un grosso coltello.

L’omicida, che ha piccoli precedenti per droga e ubriachezza, dopo l’accaduto si è liberato dei vestiti insanguinati ed è tornato nella propria abitazione per farsi una doccia. E’ stato qui che i carabinieri lo hanno trovato e successivamente portato in questura per interrogarlo, ma Broccolo ha confessato quasi subito.



La relazione tra Broccolo e la donna pesarese, 42 anni e madre di una ragazzina 14enne, era finita quattro mesi fa ma l’uomo, che non riusciva a rassegnarsi per la fine della storia, aveva preso a pedinarla e a minacciarla telefonicamente. Anche il giorno dell’omicidio Broccolo continuava a mandare messaggi e a telefonare insistentemente alla donna finché, scoperto che si trovava insieme a Volterri, ha deciso di raggiungerli nell’abitazione di via Giolitti della donna.

L’allarme è stato dato da un passante che ha visto il corpo senza vita di Guido Volterri, riverso in una pozza di sangue tra il portone e la strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>