Papa Ratzinger visita Palermo

di isayblog4 Commenta

Il Papa - durante le dieci ore trascorse ieri a Palermo - ha esortato tutti a seguire l'esempio eroico di don Pino Puglisi. “La mafia è una strada di morte incompatibile con il Vangelo”...

“La mafia è una strada di morte incompatibile con il Vangelo”. Mafia. Opporsi alla mafia. Una parola e un invito a contrastarla, che Benedetto XVI ha ripetuto spesso durante le dieci ore trascorse ieri a Palermo. “Non abbiate paura”- ha detto – rivolgendosi ai siciliani durante la messa celebrata al Foro Italico. Oltre ad un cielo sereno e il sole caldo della città (ieri a Palermo c’erano 28 gradi), circa 300mila fedeli hanno dato il benvenuto a papa Ratzinger nella sua prima visita in Sicilia da pontefice.

(piazza Sturzo, Palermo)

“So che a Palermo, come anche in tutta la Sicilia, non mancano difficoltà, problemi e preoccupazioni: penso, in particolare, a quanti vivono concretamente la loro esistenza in condizioni di precarietà, a causa della mancanza del lavoro, dell’incertezza per il futuro, della sofferenza fisica e morale e, come ha ricordato l’Arcivescovo, a causa della criminalità organizzata”. Il Papa ha invitato tutti a seguire l’esempio eroico di don Pino Puglisi (è in corso il processo di beatificazione), il sacerdote ucciso dalla mafia nel 1993. Più tardi, alla Cattedrale, ha esortato il clero siciliano ad imitare l’esempio di don Pino Puglisi: “Aveva un cuore che ardeva di autentica carità pastorale”, ha detto ricordandone il barbaro assassinio.

(Piazza Politeama, Palermo, visita di Benedetto XVI, 3 ottobre 2010

Poi l’incontro con i giovani al Politeama. “Voglio partire non da un ragionamento, ma da una testimonianza – ha detto il Papa – una storia vissuta e attualissima. Penso che tutti voi sappiate che sabato 25 settembre scorso, a Roma, è stata proclamata beata una ragazza italiana di nome Chiara, Chiara Badano. Vi invito a conoscerla: la sua vita è stata breve, ma è un messaggio stupendo. Chiara è nata nel 1971 ed è morta nel 1990, a causa di una malattia inguaribile. Diciannove anni pieni di vita, di amore, di fede. Due anni, gli ultimi, pieni anche di dolore, ma sempre nell’amore e nella luce, una luce che irradiava intorno a sé e che veniva da dentro: dal suo cuore pieno di Dio!”. E ancora: Rosario Livatino, il magistrato ucciso dalla mafia, e don Pino Puglisi. “Giovani di Sicilia non cedete alle suggestioni della mafia”.

Piazza Politeama, Palermo.

Infine un fuori programma: l’omaggio al giudice Giovanni Falcone sul luogo della strage, a Capaci, lungo la strada dell’aeroporto, prima di prendere l’aereo e rientrare a Roma.
Serena Marotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>