Abitare in mezzo ai crolli: come aiutare la Calabria?

di Gianni Puglisi Commenta

Pietro Greco: «Contro lo spopolamento e la burocrazia, risorse, professionalità e la collaborazione delle amministrazioni e della Politica»

 

Calabria: un patrimonio anche abitativo, di centri e palazzi storici e non, che da tempo registra diversi crolli – soprattutto a Cosenza, dove i cittadini vivono in una situazione di precarietà quasi quotidiana, peggiorata a ogni pioggia che sbriciola cornicioni, tegole e pezzi di solai. Ma anche a Reggio, dove questo 31 luglio è venuto giù il tetto dell’auditorium “Nicola Calipari” del Palazzo Campanella, sede del Consiglio regionale.

Ne parliamo con Pietro Greco, esperto lametino nel recupero e la valorizzazione degli immobili, la cui azienda di consulenza cura anche progetti di ristrutturazione.

Patrimonio storico e architettonico, senz’altro, ma soprattutto sicurezza delle persone che ci vivono: i giornali riportano una situazione emergenziale, nonostante gli sforzi delle amministrazioni locali, e che ha già registrato delle vittime. Cosa succede e da cosa dipende?

Sicuramente, uno degli aspetti da prendere in considerazione è il fenomeno migratorio che negli anni ha interessato la Calabria e che portato la popolazione a lasciare i luoghi d’origine per trasferirsi al Nord, cosa che ha comportato un abbandono sostanziale del territorio. A questo, poi, si affiancano altre due variabili: l’amministrazione e un livello di reddito più basso. Gli incentivi e gli sforzi delle amministrazioni locali non sono sufficienti – e, per capirlo, basta pensare a come nei Centri storici l’adeguamento di un fabbricato collegato ad altri comporti il calcolo statico di ogni singola struttura e la loro messa in sicurezza. Questo complica la ristrutturazione, ancor di più se gli immobili da ristrutturare non sono dello stesso proprietario, che si vede quindi impossibilitato a proseguire o comunque disincentivato. Si perde anche un’opportunità di valorizzazione per il territorio stesso, quindi ci vorrebbe una collaborazione massiccia da parte delle amministrazioni e della Politica.

Una situazione che, allargando un po’ il campo, riguarda anche i ponti e i viadotti come il «Pilati» in Melito di Porto Salvo – giusto?

Proprio a proposito di ponti e viadotti, la Calabria è una delle prime Regioni ad applicare la nuova metodologia tecnica di censimento, verifica e monitoraggio sviluppata dopo il crollo del Ponte Morandi di Genova. La sicurezza è da sempre un importante tema nazionale, e la nostra è una terra che risente dei mancati interventi di manutenzione ordinari. Il “Pilati” in Melito di Porto Salvo a rischio crollo, ora chiuso al traffico, era ed è in una condizione precaria, con ferri dell’armatura della struttura arrugginiti e corrosi che mettono a rischio l’incolumità pubblica, ma questo è solo un esempio delle tante infrastrutture calabresi che versano in condizioni di degrado. Tragedie come quella del ponte Morandi di Genova non devono accadere, non è concepibile: bisogna intervenire prima, monitorare e fare tutti i lavori necessari per la manutenzione delle strutture – periodicamente.

Tornando agli immobili: cosa serve e in che cosa la Sua azienda può aiutare?

Come stiamo vedendo in questi giorni, la condizione meteorologica sta mettendo e metterà a dura prova il nostro territorio, ed è in queste situazioni che le varie problematiche a livello architettonico-strutturale e abitativo vengono drammaticamente alla luce. C’è bisogno di un intervento pubblico urgente, con un’assegnazione tempestiva di risorse e professionalità. La nostra realtà aziendale – Star Building And Management – ha partecipato a uno dei primi progetti di ristrutturazione sismica attraverso l’utilizzo del Superbonus all’85% con GreenVest e ha visto ENI come società acquirente del credito d’imposta maturato. Abbiamo affiancato la Committenza da tecnici e ingegneri dedicati a una ristrutturazione rivolta all’efficienza, e questo ci ha permesso di raggiungere i più alti standard anti-sismici. Un progetto attento sotto tutti gli aspetti, dalla sicurezza alla sostenibilità, tant’è che abbiamo voluto provvedere anche alla riqualificazione energetica dell’immobile dalla classe B alla classe A+ – a riprova del fatto che, quando le cose vengono fatte con competenza e serietà, pensando a lungo termine, i risultati si ottengono. Certo: come per il cambiamento climatico, l’azione di pochi non basta. Bisogna farlo tutti insieme, politica nazionale e amministrazioni locali, maestranze e professionisti: sicurezza delle persone e preservazione del nostro patrimonio sono due priorità che non possono più aspettare. (proposta, giusto per dare una chiusura)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>