Matteo Renzi rifonda il Pd

di Gianni Puglisi Commenta

Il sindaco di FIrenze è pronto a prendere le redini del Pd, puntando sualla coesione e soprattutto sull'autonomia più assoluta del suo partito.

 

Il Partito democratico si ritrova completamente disgregato, le dimissioni di Bersani erano sembrate alquanto scontate, a causa della mancanza di personalità e di carisma da parte dell’ormai ex leader del Pd. Ora però è pronto a scendere in campo, sempre attivo per il suo popolo, Matteo Renzi.

Il sindaco di Firenze ha intenzione non solo di conquistare il Pd, ma soprattutto l’Italia e ciò è possibile attraverso la chiarezza, con parole esplicite che presentino quello che realmente deve fare un partito politico per poter governare il Paese.

Con il Napolitano bis Renzi è consapevole che non ci potranno essere le classiche elezioni anticipate, cosa che il sindaco di Firenze ha voluto fortemente sin dai primissimi risultati delle ultime elezioni. Matteo Renzi rifonda il Pd, questa è la volontà del giovane politico pronto a servire il suo Paese lealmente e risolvere una situazione piuttosto critica nella quale l’Italia è sprofondata. Matteo Renzi prevede quindi un anno di esecutivo, poi nuove elezioni e soprattutto la formazione di un Pd che non sia frammentato al suo interno.

L’errore più grande commesso dal Pd, secondo Renzi, è che si è perso troppo tempo a rincorrere gli altri, prima con Grillo e poi con Berlusconi, senza pensare invece a dettare una linea autonoma. Per Matteo Renzi, ormai convintisismo di voler rifondare il Pd, diventa assolutamente importante risolvere la questione emergenza lavoro, è il primo punto che deve stare a cuore al suo partito. Il sindaco di Firenze ha sicuramente le idee chiarissime, anche se non sarà facile riuscire a creare finalmente un Pd più che unito che lotti per il bene comune del popolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>