leonardo.it

Iniziativa contro Facebook: è stata un flop

 
Marina Pellegrino
1 giugno 2010
0 commenti
facebook Iniziativa contro Facebook: è stata un flop

Doveva essere un “suicidio” collettivo. Aveva come scadenza il 31 maggio. E riguardava Facebook.
La campagna dal nome QuitFacebookDay.com, promossa da due giovani canadesi, Joseph Dee e Matthew Milan, puntava alla cancellazione del proprio profilo e dei propri dati dal sito in questione da parte del maggior numero possibile di Facebook-dipendenti.

Ma su oltre 540 milioni di iscritti al social network più amato, discusso e criticato del momento, solo 34 mila hanno finora aderito all’iniziativa. A malapena lo 0,01% ma alcuni sostengono che la ragione sia da ricercare nella scarsa pubblicità dell’iniziativa, pochissimi ne erano infatti a conoscenza.



Le motivazioni di chi ha abbandonato sono svariate, la più condivisa riguarda il malcontento circa le regole sulla privacy adottate dal social network, dopo una serie di critiche e polemiche sollevate non solo dagli utenti, ma anche dalla stampa e dai politici.

Le ultime parole, o meglio, gli ultimi post lasciati dagli utenti che hanno abbandonato il social network, erano sia di ringraziamento per la possibilità che questo mezzo offre di incontrare vecchi amici ma anche di disillusione perché, in fondo, si diventa “amici” su Facebook ma poi neanche ci si saluta per strada.

E c’è già chi ha pensato di raccogliere tutte le persone deluse da Facebook in un altro contenitore virtuale, un social network decentralizzato chiamato Diaspora che partirà entro quest’estate e chi, invece, suggerisce alternative al controllo indiscriminato dei nostri gusti e delle nostre abitudini da parte delle aziende attraverso Facebook, ovvero, sovraccaricare di informazioni la rete, iscrivendosi a qualunque gruppo o cliccando qualunque elemento, tanto per confondere le idee insomma.

Articoli Correlati
YARPP
Il 33% dei divorzi è causato da Facebook

Il 33% dei divorzi è causato da Facebook

Facebook è diventato una delle principali casue di divorzi nel mondo. Un dato preoccupante che testimonia ancor di più come questo tipo di social network può essere a volte sin troppo dannoso.

Social network: armi intelligenti contro le dittature

Social network: armi intelligenti contro le dittature

«I social network sono incredibili. Sono le nostre armi intelligenti che hanno sconfitto le dittature nel mondo arabo». Sono le parole di Hassan Al Djhami, un blogger libico intervistato da Annozero…

Facebook chiude? Macché…

Facebook chiude? Macché…

La notizia sull’imminente chiusura del social network si è diffusa rapidamente ieri in rete e ha costretto il sito a smentire ufficialmente la falsa notizia messa in circolazione da un sito satirico…

Facebook fa paura ai genitori

Facebook fa paura ai genitori

Come evitare i pericoli celati dal web? Basta tenere con i propri figli un dialogo reale. Ecco alcune regole suggerite da neuropsicologi dell’ospedale Bambin Gesù di Roma…

A settembre arriva Diaspora

A settembre arriva Diaspora

Il nuovo social network consentirà agli utenti di controllare direttamente i propri dati…

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento